Self help pediatrico


Vai ai contenuti

Menu principale:


-Il test rapido (RAD test) per lo SBEGA: perchŔ?

Infettivologia > Tampone faringeo

Il test rapido per lo SBEGA (RAD test), PERCHE'?

La diagnostica delle faringiti utilizzando il test rapido (RAD test) per lo streptococco beta emolitico di gruppo a SBEGA (e la successiva decisione terapeutica) significa:
1) CERCARE DI PREVENIRE LA MALATTIA REUMATICA (prevenzione primaria) con la consapevolezza, per˛, della sua bassa attuale incidenza nei paesi industrializzati.
2) CERCARE DI PREVENIRE LE COMPLICANZE LOCALI SUPPURATIVE
3)
e cercare di guarire in tempi pi¨ rapidi il mio paziente che eventualmente ha contratto lo streptococco
La letteratura ci dice che:
1) con la terapia antibiotica appropriata (avendo diagnosticato la faringite streptococcica) riduciamo la complicanza reumatica del 70% circa (studi condotti fra reclute statunitensi negli anni 50) e le complicanze suppurative del 78% circa per quanto riguarda le OMA, del 54% per le sinusiti e dell'84% per gli ascessi peritonsillari
2) dobbiamo per˛ considerare che, sempre in base agli studi condotti negli anni 50, dobbiamo trattare da 50 a 100 pazienti per prevenire 1 caso di malattia reumatica
3) la spese della strategia di fare il test rapido e trattare i positivi comporterebbe una spesa di poco superiore al doppio della strategia di non trattare nessuno, ma con ovvi risvolti positivi professionali e medico legali

Del Mar e al. The Cochrane Library 2005; Ehrlich e al. Prev Med 2002

Nel 2009 e' apparso su "CIRCULATION" un aggiornamento relativo proprio alla necessita' della prevenzione primaria del Reumatismo Articolare Acuto RAA attraverso l'identificazione corretta delle faringotonsilliti da Streptococco beta emolitico di Gruppo A. In tale "scientific statement" si ribadisce l'importanza della costante attenzione alla prevenzione della febbre reumatica pur sottolineando che negli Sati Uniti l'incidenza di questa patologia cronica e' piuttosto bassa. Si parla anche di test rapidi e si sottolinea come il loro problema sia la sensibilitÓ non assoluta e come i Professionisti dovrebbero valutare le performance del test rapido rispetto agli esami colturali dei loro laboratori di riferimento prima di poterli usare senza richiedere (in caso di negativita') una coltura di conferma.
Circulation. 2009 Mar 24;119(11):1541-51. Epub 2009 Feb 26


Home Page | Premesse | Infettivologia | Allergologia | Altri test e strumenti | Casi clinici | Per i Genitori e Links pediatrici | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu